venerdì 2 agosto 2013

UAAR e l'antiteismo individuale

A sua immagine: l’antiteismo individuale e l’Uaar

Lo spa­zio de­di­ca­to alla re­li­gio­ne dai mez­zi di in­for­ma­zio­ne non è poi gran­ché. Pa­po­la­tria a par­te, ov­via­men­te: ma, per l’ap­pun­to, si ce­le­bra l’uo­mo che sale sul­l’ae­reo con la pro­pria bor­sa, men­tre nel con­tem­po si oc­cul­ta­no le rei­te­ra­te ester­na­zio­ni di quel­lo stes­so uomo sul­l’e­si­sten­za del de­mo­nio e la sua in­ces­san­te at­ti­vi­tà in fa­vo­re del male. Si par­la poco di re­li­gio­ne, si par­la an­co­ra meno di lai­ci­tà e non si par­la per nul­la di in­cre­du­li­tà. So­prat­tut­to, non si par­la del­la for­ma or­ga­niz­za­ta che può as­su­me­re l’im­pe­gno per la lai­ci­tà e per i di­rit­ti dei non cre­den­ti: non sia mai che qual­cu­no in­tra­ve­da un’al­ter­na­ti­va dia­let­ti­ca alla Chie­sa cat­to­li­ca. Le po­che vol­te che si par­la di un’as­so­cia­zio­ne come l’Uaar, è qua­si sem­pre per cri­ti­car­ne i pre­sun­ti “ec­ces­si”.
Cir­co­stan­za un po’ co­mi­ca. Per­ché in­ve­ce non pas­sa gior­no sen­za ri­ce­ve­re qual­che cri­ti­ca per l’ec­ces­si­va mo­de­ra­zio­ne. C’è in­fat­ti chi vor­reb­be un’as­so­cia­zio­ne esclu­si­va­men­te im­pe­gna­ta nel­la de­nun­cia del­le ma­le­fat­te del­la Chie­sa, da­gli abu­si ses­sua­li da par­te di quel­li che de­fi­ni­sce “in­cu­la­bam­bi­ni” alla cir­con­ven­zio­ne di que­gli in­ca­pa­ci di in­ten­de­re e di vo­le­re che sa­reb­be­ro i cre­den­ti. Un’as­so­cia­zio­ne che ri­cor­ra a slo­gan qua­li “clo­ro al cle­ro”, che dif­fon­da pen­sie­ri qua­li “l’u­ni­ca chie­sa che il­lu­mi­na è quel­la che bru­cia”. Sono gli stes­si che ve­do­no con or­ro­re, come una for­ma di tra­di­men­to, ogni pos­si­bi­li­tà di “dia­lo­go” con le co­mu­ni­tà re­li­gio­se. Tal­vol­ta sem­bra qua­si che que­sti com­men­ti sia­no la mag­gio­ran­za. Poi l’Uaar va a con­gres­so e que­ste po­si­zio­ni non emer­go­no pra­ti­ca­men­te mai.
Sem­bra pro­prio che le con­te­sta­zio­ni pro­ven­ga­no da cani sciol­ti, in­di­vi­dui nem­me­no iscrit­ti al­l’as­so­cia­zio­ne, che del re­sto ha espli­ci­ta­men­te ben al­tro sta­tu­to e ben al­tri ob­biet­ti­vi. Quan­do lo fac­cia­mo no­ta­re, ci vie­ne tal­vol­ta rin­fac­cia­to che è pro­prio per que­sto mo­ti­vo che l’as­so­cia­zio­ne ha cir­ca quat­tro­mi­la soci, con­tro i die­ci mi­lio­ni cir­ca di cit­ta­di­ni che non ap­par­ten­go­no ad al­cu­na re­li­gio­ne. Ma si trat­ta di una tesi in­so­ste­ni­bi­le: fos­se vera, esi­ste­reb­be in Ita­lia un’as­so­cia­zio­ne espli­ci­ta­men­te an­ti­re­li­gio­sa con (quan­to­me­no) de­ci­ne di mi­glia­ia di iscrit­ti. Non c’è, e non c’è nem­me­no con qual­che cen­ti­na­ia di soci. Le ra­gio­ni de­vo­no quin­di es­se­re al­tre, e la gran par­te di quei die­ci mi­lio­ni di non cre­den­ti non sem­bra per nul­la aver vo­glia di spre­ca­re tem­po spu­tan­do con­tro la re­li­gio­ne.
Uno stu­dio USA vie­ne ora a cor­ro­bo­ra­re que­sta ipo­te­si. Ne ab­bia­mo già scrit­to: è uno stu­dio del­l’u­ni­ver­si­tà del Ten­nes­see che ha di­vi­so i non cre­den­ti in sei ca­te­go­rie-ti­po: gli “atei e agno­sti­ci in­tel­let­tua­li”, gli “atei e agno­sti­ci ri­tua­li­sti”, gli “at­ti­vi­sti”, gli “agno­sti­ci in ri­cer­ca”, i “non tei­sti” e gli “an­ti-tei­sti”. Que­sti ul­ti­mi sono de­scrit­ti come co­lo­ro che si “op­pon­go­no dia­me­tral­men­te al­l’i­deo­lo­gia re­li­gio­sa”, che ve­do­no come la prin­ci­pa­le fon­te di igno­ran­za. Sono ag­gres­si­vi, an­che in con­se­guen­za di un’u­sci­ta re­pen­ti­na e non pro­prio in­do­lo­re dal­la fede, e vo­glio­no “edu­ca­re” il cre­den­te. Rap­pre­sen­ta­no però una mi­no­ran­za che non ar­ri­va al 15% del cam­pio­ne. Non solo, han­no ot­te­nu­to il mas­si­mo del pun­teg­gio per quan­to ri­guar­da at­teg­gia­men­ti qua­li “nar­ci­si­smo”, “rab­bia” e, cosa che pro­ba­bil­men­te li la­sce­reb­be… in­cre­du­li, in “dog­ma­ti­smo”.
Sem­bra in­som­ma l’en­ne­si­ma con­fer­ma di un fe­no­me­no mol­to noto in so­cio­lo­gia: ben­ché la mag­gio­ran­za del­la po­po­la­zio­ne ab­bia opi­nio­ni ra­gio­ne­vo­li, la vi­si­bi­li­tà di chi ha in­ve­ce idee estre­mi­ste è in­com­pa­ra­bil­men­te mag­gio­re, sia per­ché le idee estre­mi­ste de­sta­no più at­ten­zio­ne, ne­gli in­di­vi­dui e sui mass me­dia, sia per­ché gli estre­mi­sti sono as­sai più de­di­to a so­ste­ner­le pub­bli­ca­men­te. Il pro­ble­ma (loro) è che que­sto modo di fare li ren­de però an­che as­sai meno ca­pa­ci di ag­gre­ga­re. Una con­di­zio­ne che, nel mon­do del­la non cre­den­za, vie­ne ul­te­rior­men­te ag­gra­va­ta dal­l’in­di­vi­dua­li­smo, che in que­sto caso gio­ca con­tro. Quan­do poi è con­di­to da nar­ci­si­smo, li­vo­re e ten­den­za alla pro­vo­ca­zio­ne, la frit­ta­ta è fat­ta: l’an­ti­re­li­gio­so sarà fie­ro del­le pro­prie opi­nio­ni ed espri­me­rà in ogni dove e fra­go­ro­sa­men­te le pro­prie con­vin­zio­ni an­ti­re­li­gio­se, ma non si tro­ve­rà a suo agio con al­cu­na com­pa­gnia.
Di qui la cri­ti­ca alle real­tà or­ga­niz­za­te già esi­sten­ti. “Sarò dei vo­stri solo quan­do fa­re­te quel­lo che so­sten­go io”: quan­te vol­te ab­bia­mo do­vu­to leg­ge­re af­fer­ma­zio­ni del ge­ne­re. Sem­bra di sta­re in pre­sen­za di sog­get­ti che, dopo aver ri­fiu­ta­to un dio crea­to a im­ma­gi­ne e so­mi­glian­za del­l’uo­mo, de­si­de­ra­no ora e ar­den­te­men­te un’as­so­cia­zio­ne crea­ta a pro­pria im­ma­gi­ne e so­mi­glian­za. Sen­za ra­gio­na­re in al­cun modo sul fat­to che, pa­ra­dos­sal­men­te, po­treb­be­ro es­se­re pro­prio at­teg­gia­men­ti an­ti­re­li­gio­si come i suoi ad al­lon­ta­na­re po­ten­zia­li iscrit­ti. Al­tret­tan­to pa­ra­dos­sal­men­te, non è raro che sia­no pro­prio gli in­di­vi­dui più an­ti­re­li­gio­si a in­fu­riar­si per l’ef­fi­ca­cia del­la “stra­te­gia d’im­ma­gi­ne del Va­ti­ca­no”. Quel­la che ha so­sti­tui­to a un papa che sor­ri­de­va poco e male un papa che sor­ri­de mol­to e bene sen­za cam­bia­re di una vir­go­la la dot­tri­na – al mas­si­mo evi­tan­do per quan­to pos­si­bi­le di af­fron­ta­re ar­go­men­ti che non ri­scuo­to­no il con­sen­so del­l’o­pi­nio­ne pub­bli­ca. Fos­se­ro ra­zio­na­li­sti, qual­che do­man­da do­vreb­be­ro pure por­se­la. L’im­ma­gi­ne con­ta for­se qual­co­sa? Gli at­teg­gia­men­ti estre­mi sono for­se con­tro­pro­du­cen­ti? Cer­ca­re di con­vin­ce­re qual­cu­no a cam­bia­re idea ri­fiu­tan­do il dia­lo­go e in­sul­tan­do­lo pe­san­te­men­te è for­se una stra­te­gia poco op­por­tu­na? Pro­ba­bil­men­te, però, ra­zio­na­liz­za­no a modo loro an­che que­sto, ri­te­nen­do che la col­pa sia del po­po­lo bue, che non ca­pi­sce come sia­no pre­fe­ri­bi­li at­teg­gia­men­ti estre­mi. Non aspi­ra­no sol­tan­to a un’as­so­cia­zio­ne a pro­pria im­ma­gi­ne e so­mi­glian­za:, pre­ten­do­no an­che un pia­ne­ta a pro­pria im­ma­gi­ne e so­mi­glian­za.
Il 2 e il 3 no­vem­bre si svol­ge­rà a Roma il con­gres­so Uaar. Ci si con­fron­te­rà de­mo­cra­ti­ca­men­te e si fa­ran­no le scel­te ri­te­nu­te mi­glio­ri per agi­re pro­fi­cua­men­te nei suc­ces­si­vi tre anni. Sarà an­che l’oc­ca­sio­ne, per chi vor­reb­be un’as­so­cia­zio­ne ri­so­lu­ta­men­te an­ti­re­li­gio­sa, di cam­bia­re fi­nal­men­te la sua li­nea. Se non ne fa par­te e non ne vuo­le fare par­te, può sem­pre fon­dar­ne un’al­tra. Op­pu­re può con­ti­nua­re a tra­stul­lar­si con il pro­prio an­ti­tei­smo so­lip­si­sta. Non c’è pro­ble­ma: ab­bia­mo sem­pre so­ste­nu­to che il mon­do del­l’in­cre­du­li­tà è as­sai più plu­ra­le di quel­lo del­le fede…
Il co­mi­ta­to di coor­di­na­men­to Uaar

Nessun commento:

Cerca nel blog

NASA Image of the Day